alberto bazzoni scultore

ARCHIVIO

"L'artista (quando è tale) si forma un mondo a sé, circoscrivendolo con le trame del suo pensiero e vi si racchiude dentro, egli creatore e signore, tessendo il suo sogno con l'amore e col dolore.
Si capisce che questo modo può essere piccolo tanto da contenere appena l'artista, come la crisalide, e può essere vasto come l'universo."

(ALBERTO BAZZONI, La difesa artistica, Parma 1921)

 

Scritti di Alberto Bazzoni

(in formato PDF)
 

Rassegna Stampa Bazzoni

(in formato PDF)


"... trovo che nel Bazzoni è quasi visibile lo sforzo per esprimere e rilevare nettamente la sua personalità. E' questo il difetto di tutti i giovani che vorrebbero essere subito 'loro', diversi e perciò personali.
Nel Bazzoni la stilizzazione delle sue opere, ispirata al greco arcaico ed al romantico lo porta, nell'impeto della creazione, a ricordare i secessionisti. Ma il suo temperamento, come lo si intravvede da quei suoi lavori, si sta delineando sicuro. La scultura, per essere tale, deve esser circoscritta nel blocco e gli atteggiamenti euritmici della figura devono essere considerati con senso architettonico così da formare un tutto armonico fra linee e piani. Il Bazzoni dimostra nei suoi disegni di possedere questa dote e si dimostra amante della scultura a grandi linee decorative, nella quale racchiude sempre un nobile pensiero."
LEONARDO BISTOLFI nell'intervista del GIORNALE D'ITALIA 1913

Galleria Fotografica
 
 
©2004 digigraph